• Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon

© 2023 by We Smile. Proudly created with Wix.com

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

LA SEDENTARIETÀ È PIÙ PERICOLOSA DEL FUMO PER LA SALUTE

October 31, 2018

 

Uno studio spiega che la sedentarietà fa più danni al fisico di diabete, fumo e ipertensione. Il rischio di morte è più elevato per chi non fa attività motoria.

Che l’esercizio fisico aiuti a vivere di più e meglio è assodato. Uno nuovo studio fa ora un passo in più. Dice che uno stile di vita sedentario è peggiore per la salute del fumo, del diabete e delle malattie cardiovascolari. Anche gli autori dello studio, fra cui il dottor Wael Jaber, cardiologo della Cleveland Clinic, hanno trovato i risultati estremamente sorprendenti. «La sedentarietà dovrebbe essere considerata come una malattia e dovrebbe avere una prescrizione specifica: si chiama esercizio fisico» spiega il cardiologo.

I ricercatori hanno rivisto i casi di 122007 pazienti che avevano fatto tapis roulant e prove sotto sforzo e hanno misurato le cause della mortalità collegate alla mancanza di esercizio fisico di queste persone passate in clinica fra il primo gennaio 1991 e il 31 dicembre 2014.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Network Open e il risultato è che la sedentarietà va affrontata come una malattia perché in molti dei casi analizzati è fra le principali concause della morte, più incisiva di ipertensione, diabete e fumo. Dati alla mano chi non supera i test fisici ha quasi il doppio del rischio di avere problemi ai reni o fare la dialisi.

Non esiste, secondo lo studio, un eccesso di esercizio che metta a rischio. «Le persone ultra-allenate hanno un livello più basso di mortalità», spiega il cardiologo che ha guidato il team di ricercatori, «e vale per uomini e donne, ma forse un po’ di più per le donne».

C’è un risvolto anche economico e di salute pubblica. «Le malattie cardiovascolari e il diabete sono le più costose per gli Stati Uniti. Spendiamo 200 miliardi l’anno per curare le malattie e le loro complicazioni. Anziché pagare cure e medicinali dovremmo indurre i nostri pazienti a fare sport quotidianamente» aggiunge Jordan Metzl, esperto di medicina dello sport e autore del libro The Exercise Cure, La cura con l’esercizio fisico.

L’originalità dello studio sta nel fatto che non erano i pazienti a dichiarare la loro attività fisica, ma i medici a testare la preparazione con test fisici uguali, quindi con una forma di oggettività. Comparando i risultati di quelli con una vita sedentaria a quelli con le migliori performance fisiche per i primi i rischi di morte erano del 500% più alti.

Rispetto ai fumatori i sedentari hanno un rischio di malattia tre volte più alto.

I rischi però non sono irreversibili secondo il dottor Satjit Bhusri, cardiologo del Lenox Hill Hospital intervistato dalla Cnn. «La vita sedentaria occidentale ha portato a una più alta incidenza di malattie cardiache che sono invece evitabili. 

Siamo nati per camminare, correre e fare esercizi. Bisogna solo alzarsi e muoversi».

VANITYFAIR.it

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Cerca per tag