• Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon

© 2023 by We Smile. Proudly created with Wix.com

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

IL MOVIMENTO È LA CHIAVE PER CONTRASTARE L’INVECCHIAMENTO

September 17, 2018

 

Hidekichi Miyazaki ha 108 anni, è alto un metro e 50 pesa 43 chili. L’ultracentenario più veloce della Terra ha esordito in pista a 90 anni e nel 2005 ha stabilito il record dei 100 metri con 42 secondi e 22 centesimi. In Italia il marchigiano Giuseppe Ottaviani, 102 anni, ha vinto il mondiale in atletica leggera nelle categorie Master 95 e Master 100, iniziando a gareggiare all’età di 70 anni. 

Non esistono limiti d’età quando parliamo di attività fisica. Il movimento infatti è la chiave per contrastare l’invecchiamento e le principali malattie ad esso legato. 

Che invecchiamento del nostro organismo ed esercizio fisico siano inversamente proporzionali è stato attestato dalla scoperta dell’ormone FGF21. Questa sostanza infatti viene prodotta dai muscoli degli anziani che conducono una vita sedentaria e, quando i suoi livelli nel sangue restano alti per molto tempo, porta all’invecchiamento di pelle, fegato e intestino, alla perdita di neuroni e a un’infiammazione generalizzata.

Il FGF21 è invece presente in livelli più bassi nelle persone che svolgono una regolare attività fisica.

Fare sport, restare attivi non solo fa bene al corpo ma aiuta anche a mantenere un buon livello di benessere psicofisico, coadiuvato anche dal ruolo delle attività cognitive e della nutrizione. 

L’esercizio fisico a tutte le età rappresenta uno strumento fondamentale di benessere e, poi, di prevenzione e gestione di un numero enorme di condizioni cliniche. Chi fa sport ritarda anche l’insorgenza di malattie neurodegenerative, come Alzheimer e Parkinson.

Il consiglio è quello di affidarsi a medici e allenatori competenti per stilare un programma in base agli obiettivi che si vogliono raggiungere, definendone intensità, durata, frequenza e progressione.

Resistenza, forza ed equilibrio sono i tre obiettivi che gli over65 possono darsi. 

La resistenza consiste nella capacità di sostenere uno sforzo per un tempo prolungato e migliorarla agisce sul sistema cardiocircolatorio ma anche sul metabolismo. Si tratta di attività come camminare, correre, nuotare e andare in bicicletta”.

La forza consiste invece nell’efficienza muscolare nel breve termine e permette di sollevare pesi, in primo luogo quello del nostro corpo. Con l’età tendiamo a perdere massa muscolare (sarcopenia), ma è necessario tenere efficiente il tessuto rimanente con attività di breve durata e di elevata intensità.

La coordinazione neuromuscolare è infine la capacità di governare i movimenti attraverso l’attività del cervello. È determinante per l’equilibrio, l’esecuzione dei movimenti complessi e il mantenimento delle capacità motorie della vita quotidiana, oltre a essere un modo per stimolare il cervello, il quale lavora non solo quando si pensa, ma anche quando si agisce. Si tratta della cosiddetta intelligenza motoria e anche questa si perde se non la si stimola.

Prof.ssa Daniela Lucini - Responsabile della Sezione di Medicina dell'Esercizio e Patologie funzionali di Humanitas

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Cerca per tag