• Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon

© 2023 by We Smile. Proudly created with Wix.com

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

LE CALORIE NON SONO TUTTE UGUALI: QUELLE DELLE BIBITE SONO LE PEGGIORI PER LA SALUTE

June 8, 2018

Il primo principio della termodinamica non perdona: l’energia non si crea né si distrugge. E il nostro girovita, purtroppo, risponde alle leggi della fisica. Se l’energia assunta con il cibo è maggiore di quella spesa dal metabolismo, non c’è scampo: la differenza diventa grasso in eccesso. Il legame tra calorie e sovrappeso non è certo una novità. La sorpresa è un’altra: non tutte le calorie sono uguali. Quelle contenute nelle bibite zuccherate fanno più danni alla salute delle altre.

A dirlo sono 22 ricercatori esperti di nutrizione che hanno firmato un position paper su Obesity Reviews che chiarisce il rapporto tra alcuni tipi di alimenti e l’obesità ricavando alcune inaspettate conclusioni dalla lettura di una vasto numero di studi sull’argomento.

La prima arriva servita su un piatto d’argento a tutti i governi che hanno introdotto provvedimenti per limitare il consumo di aranciate e coca cola, dalla sugar tax all’obbligo delle etichette trasparenti.

I ricercatori hanno infatti sottoscritto un verdetto di condanna dei soft drinks ancora più duro di quello fino a oggi in vigore.

Le bevande zuccherate aumentano il rischio di sindrome metabolica, obesità e diabete in misura maggiore rispetto a un equivalente quantità di amidi.

Il lavoro dei ricercatori è iniziato nel 2017 con la partecipazione alla CrossFit Foundation Academic Conference. In quell’occasione era stata lanciata la domanda: le calorie sono tutte uguali per quanto riguarda gli effetti sulle malattie cardiometaboliche e sull’obesità? E la risposta, con buona pace della termodinamica, è “no”. Le calorie non hanno tutte gli stessi effetti.

«La novità - ha dichiarato Kimber Stanhope dell’Università della California Davis che ha guidato lo studio - è che ci troviamo di fronte a un considerevole numero di scienziati dalla grande esperienza in nutrizione e in malattie metaboliche che si trovano d’accordo a sostenere che le bevande addolcite con lo zucchero aumentano i fattori di rischio cardiometabolici in confronto a un equivalente quantità di amidi».

Per i soft drink si tratta di un giudizio che compromette gravemente una reputazione già in crisi. Un conto è passare come uno dei tanti mali ospitati in tavola, un altro è diventare il male assoluto.

«Le prove suggeriscono in modo evidente - scrivono i ricercatori - che il consumo di bevande zuccherate con fruttosio, sciroppo di mais o dolcificate con saccarosio aumentano i fattori di rischio cardiometabolico rispetto alle quantità iso-caloriche di amidi».

HEALTHDESK

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Cerca per tag